Fendt 900 Vario. L’evoluzione della specie avanza

Fendt si presenta alla prossima Agritechnica con un carico da 90. Su tutte la nuova gamma Fendt 900 Vario che ricalca in dimensioni più ‘compatte’ tutti i plus della super premiata serie 1000 Vario a partire proprio dalla trasmissione stepless ‘sdoppiata’ sui due assali. Il modello di punta sfonda il muro dei 400 cavalli nominali ed è già in lizza per il ‘Tractor of the year 2020’. Poi c’è la nuova serie utility 300, anch’essa densa di contenuti a partire dalla nuova strumentazione ‘FendtOne’ che interesserà in futuro tutta la produzione Fendt e dall’inedito sistema di boost (DynamicPerformance).

Fendt 900 Vario

Fendt 900 Vario. Sfondata la soglia dei 400 cavalli

Ma partiamo dai Fendt 900 Vario. La gamma copre il range di potenza tra 296 e 415 CV. Sotto il cofano il 6 cilindri MAN da 9 litri con turbocompressore  e VTG a geometria variabile che sfoggia il record di intervallo di sostituzione olio con ben mille ore. Con l’evoluzione del Fendt 900 Vario, è stato modificato anche il livello di emissione Fase V (UE). Il trattamento dei gas di scarico viene effettuata mediante l’ausilio di catalizzatore (DOC),  filtro antiparticolato ed SCR (Selective Catalytic Reduction per la riduzione in azoto).

Il regime nominale del motore si attesta sui 1.700 giri/min ma la velocità massima di 60 km/h (ove consentito) la si raggiunge già 1.450 giri/min, così come i 50 km/h a 1.200 giri/min, i 40 km/h a soli 950 giri/min., con evidenti benefici in termini di consumi . Stesso discorso per  i picchi di coppia col modello di punta Fendt 942 Vario che raggiunge i  1.970 Nm è a soli 1.100 giri/min.

Fendt 900 Vario

Fendt 900 Vario. Lo stesso cambio dei 1000

Il gruppo propulsore è quindi abbinato al cambio Fendt VarioDrive TA300 che ripartisce la coppia dinamicamente sull’asse anteriore e posteriore a seconda delle condizioni di carico e del terreno. Il ponte anteriore è dunque azionato separatamente e il disaccoppiamento di quello  posteriore evita le tensioni in strada e in curva consentendo la massima forza di trazione in campo. Il cosiddetto effetto “pull-in turn“ traina il trattore in curva, garantendo un raggio di sterzata limitato con la massima forza di trazione.

Per la nuova serie 900 è disponibile a richiesta l’impianto di regolazione della pressione di gonfiaggio degli pneumatici VarioGrip di Fendt, completamente integrato, oltre che in grado di supportare il conducente: preimpostando la velocità, si ottengono lo zavorramento ottimale e la pressione degli pneumatici corretta. Se invece è già registrato lo zavorramento del trattore, verranno indicate la velocità di lavoro migliore e la pressione degli pneumatici ottimale. Per trasmettere al suolo la forza disponibile, trasferire la forza di trazione e aumentare la superficie di contatto, per la nuova serie 900 sono disponibili pneumatici con un diametro massimo di 2,20 metri (750/70R44).

Fendt 900 Vario

Fendt 900 Vario. Potenza idraulica al top

Il sistema idraulico standard è modulare con due pompe load-sensing (LS) con  portata di 165 o 220 litri. Su richiesta anche il doppio circuito con pompe indipendenti a pistoni assiali che totalizzano una portata complessiva di 430 l/min (la portata della prima è di 220 l/min, quella della seconda di 210 l/min). Grazie alle valvole limitatrici di pressione integrate, le pompe forniscono sempre la quantità d’olio necessaria nel proprio circuito a una determinata pressione.

Fendt 900 Vario

Importanti new entry riguardano anche la connettività e le soluzioni digitali integrate per la gestione della flotta e la manutenzione preventiva. Fendt Connect è il sistema di telemetria per l’analisi e la gestione dell’utilizzo delle macchine. Offre ai clienti il vantaggio di avere a disposizione la posizione GPS e tutti i parametri del veicolo su computer, smartphone o tablet. L’operatore è così in grado di monitorare l’utilizzo delle proprie macchine apportando opportune correzioni se necessarie.

Fendt 900 Vario. Connessione totale

Con il consenso volontario del proprietario del veicolo, anche il rivenditore può accedere ai dati della macchina verificandone lo ‘stato di salute’ . Se si verificano delle anomalie, i dati trasmessi consentono al rivenditore di effettuare una prima diagnosi a distanza. In questo modo, in collaborazione con l’assistenza clienti Fendt, è possibile ridurre fino al 30% i tempi di diagnosi e riparazione. Le informazioni riguardanti l’azienda o i dati agronomici non vengono né salvati né trasmessi. L’intero processo è soggetto alle rigorose direttive del Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR)dell’Unione Europea.

Fendt 900 Vario

Grazie poi allo Smart Connect, l’operatore può collega il proprio iPad al Fendt 900 Vario mediante il wifi interno della macchina e visualizzare direttamente sul tablet i parametri riguardanti il veicolo, come ad esempio la posizione del trattore, la superficie lavorata, la velocità, il consumo di carburante o il carico del motore. Lo schermo del tablet serve dunque come superficie di visualizzazione aggiuntiva per il terminale Vario.