Mercato USA, meglio del previsto. Trump non spaventa i farmer

Marcato USA,

Sono 125 le candeline sulla torta di AEM, l’associazione americana dei produttori di macchine per i settori agricolo e costruzioni. Un compleanno che AEM festeggia con risultati eclatanti proprio nel segmento agricoltura. Il primo trimestre 2019 è andato più che bene, meglio ancora di un 2018 che aveva segnalato gli States come un ‘caso isolato’ nel contesto planetario, proprio per la robusta crescita messa a segno.

Mercato USA, i farmer non temono le turbolenze a livello internazionale

I primi tre mesi registrano vendite complessive di trattori al di sopra delle 44.523 unità, rispetto alle 42 mila tonde consegnate tra gennaio e marzo 2018. Il tasso di crescita è del 5,9 per cento. Curt Blades, responsabile del settore agri all’interno di AEM, aveva dichiarato – con grande cautela – lo scorso gennaio: «Se guardiamo al 2019, vediamo il permanere di molti segnali di incertezza legata alla revisione degli accordi internazionali sul commercio che l’amministrazione americana sta portando avanti, agli alti e bassi del mercato, a segnali di indebolimento dell’economia americana nel suo complesso. Rimaniamo comunque ottimisti in merito alla capacità delle aziende più strutturate di continuare a rinnovare la flotta e alla tenuta dei trattori small».

Ottimi i dati del segmento mietitrebbie. Bene anche i piccoli

La realtà sembra essere più generosa delle attese. Le vendite di mietitrebbie segnano più 36 per cento su base trimestrale (più 71 per cento nel solo mese di marzo!); le immatricolazioni sotto i 40 cavalli sfiorano il più 10 per cento, i big over 100 cavalli si confermano sugli stessi livelli del 2018. Solo la fascia intermedia mostra un lieve calo dell’1,5 per cento, con una contrazione in termini assoluti di neppure 200 macchine.

Mercato USA