Goldoni, firmato il rinnovo del Contratto Integrativo Aziendale

Firmato tra FIOM – CGIL, i rappresentanti dell’RSU aziendale, di Confindustria e della Goldoni S.p.A. (dal 2015 parte di Arbos Group) – l’AD Andrea Bedosti, il Direttore delle Risorse Umane Luca Bellomia, il Direttore Industriale Luca Martinelli, il Direttore di Stabilimento Daniele Cavallini, la Responsabile delle Risorse Umane Alessandra Lugli e Paola Reguzzoni amministrazione del personale – l’importante accordo per il rinnovo del Contratto Integrativo Aziendale con il quale il Gruppo Arbos onora l’impegno preso con i dipendenti sin dalla sottoscrizione del piano di risanamento per il salvataggio della Casa costruttrice di Migliarina di Carpi.

Goldoni

L’accordo è giunto al termine di una trattativa durata oltre un anno, nel corso della quale si è evidenziata la totale assenza di scioperi e altre forme di protesta, grazie anche alla grande responsabilità dimostrata dalle forze sindacali coinvolte, consapevoli della fase critica attraversata dall’azienda.

Goldoni – Arbos Group, avanti tutta!

Un risultato che rafforza l’immagine di un‘azienda fondata su un importante passato rivendicato con orgoglio dai tanti dipendenti che hanno vissuto la precedente gestione e che oggi proseguono la corsa, grazie alla determinazione e alla tenacia messe in campo dall’attuale management, determinato a centrare obiettivi di innovazione e rilancio sia in termini di prodotto che di sistema azienda.

“Abbiamo siglato il migliore accordo possibile alla luce della lunga storia sindacale Goldoni – ha commentato Luca Bellomia, il Direttore delle Risorse Umane che ha condotto le trattative con tutto lo staff delle Risorse Umane, della Direzione Industriale e in coordinamento con L’AD e l’Azionista cinese – È stata molto apprezzata la disponibilità dimostrata dalle rappresentanze sindacali e confermata dalla totalità dei dipendenti: segno tangibile della volontà di superare alcune posizioni anacronistiche e di consentire all’azienda, grazie a una posizione unitaria, di muoversi senza forzature alla velocità richiesta dal mercato“.

Goldoni